Per offrirvi una migliore esperienza di navigazione il nostro sito utilizza dei cookies di tipo tecnico che non contengono informazioni personali o che possono identificare l'utente.
Se non intendete acconsentire all'uso dei cookie potete disabilitarne l'uso per questo sito. Alcune pagine potrebbero contenere plugin o collegamenti a siti esterni che contengono cookie
di profilazione su cui non abbiamo controllo. Per maggiori informazioni consultate l'informativa della privacy nell'apposita sezione.
Cliccate qui per chiudere permamentemente questo avviso

Direzione Didattica Terzo Circolo di Piacenza

Organi collegiali

  TERZO CIRCOLO DIDATTICO - PIACENZA
Via Taverna, 110 - 29100 Piacenza • Tel. 0523 320734 - Fax 306572
E-mail: pcee00300l@istruzione.it • Pec: pcee00300l@pec.istruzione.it
 
 

Organi collegiali

Creata il 08-04-2015 alle 06:29 da segreteria

Gli organi collegiali della scuola sono l’organo di gestione ed autogoverno della scuola italiana, istituiti dal DPR n° 416 del 31 maggio 1974. Essi sono sviluppati  a livello territoriale e di singolo istituto, sono composti da rappresentanti delle varie componenti interessate e si dividono in organi collegiali territoriali e organi collegiali scolastici.
Se si esclude il Collegio dei Docenti, prevedono sempre la rappresentanza dei genitori e sono tra gli strumenti che possono garantire sia il libero confronto fra tutte le componenti scolastiche sia il raccordo tra scuola e territorio, in un contatto significativo con le dinamiche sociali.
Tutti gli Organi collegiali della scuola si riuniscono in orari non coincidenti con quello delle lezioni.
I componenti degli organi collegiali vengono eletti dai componenti della categoria di appartenenza; i genitori che fanno parte di organismi collegiali sono, pertanto, eletti da altri genitori.

Collegio docenti

Il Collegio dei Docenti:

Nell’adottare le proprie deliberazioni il collegio dei docenti tiene conto delle eventuali proposte e pareri dei consigli di classe. Il collegio dei docenti si insedia all’inizio di ciascun anno scolastico e si riunisce ogni qualvolta il Dirigente Scolastico ne ravvisi la necessità oppure quando almeno un terzo dei suoi componenti ne faccia richiesta; comunque, almeno una volta per ogni trimestre o quadrimestre. Le riunioni del collegio hanno luogo durante l’orario di servizio in ore non coincidenti con l’orario di lezione.

Comitato di valutazione insegnanti

Caratteristiche e funzioni del comitato per la valutazione del servizio dei docenti
Il “Comitato per la valutazione del servizio dei docenti” è formato, oltre che dal Dirigente Scolastico, che ne è il presidente, da 2 o 4 docenti quali membri effettivi e da 1 o 2 docenti quali membri supplenti, a seconda che la scuola o istituto abbia sino a 50 oppure più di 50 docenti. I membri del comitato sono eletti dal “Collegio dei docenti” nel suo seno. Il “Comitato per la valutazione dei docenti” ha il compito di:

Il “Comitato per la valutazione del servizio degli insegnanti” è convocato dal Dirigente Scolastico alla conclusione dell’anno scolastico di riferimento, agli effetti della valutazione del periodo di prova degli insegnanti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato. Il Dirigente Scolastico, dopo aver sentito il parere del “Comitato per la valutazione del servizio”, redige una relazione di prova. La conferma in ruolo è di competenza del Centro dei Servizi Amministrativi (CSA).

Consiglio d'Interclasse (Primaria) o Intersezione (Infanzia).

E' costituito da tutti i docenti e un rappresentante dei genitori per ciascuna delle classi/sezioni interessate; è presieduto dal Dirigente Scolastico o da un docente da lui delegato, facente parte del Consiglio.
I Rappresentanti dei genitori al Consiglio di Interclasse o di Intersezione vengono eletti, o riconfermati, una volta l’anno e non possono essere sostituiti se non da un altro genitore avente solo funzione di uditore.
Le elezioni vengono indette dal Dirigente Scolastico entro il 31 ottobre.
 
Sono previsti:

Una volta eletti, i rappresentanti restano in carica fino alle elezioni successive.
Il Consiglio di interclasse e quello di  intersezione hanno il compito di formulare al collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica e a iniziative di sperimentazione nonché quello di agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni.
 
Il rappresentante di classe ha il diritto di:

Il rappresentante di classe NON ha il diritto di:

[torna in alto]

Codice XHTML 1.0 Strict valido Codice CSS2 valido Conforme allo standard di accessibilitàWCAG 2.0 (Level AA) Soddisfa i nuovi adempimenti del Decreto legislativo n.33/2013